Il Rosato 2014 firmato Jimmy Rivoltella

rosato2014

Il vino Rosato di Cascina Albano si distingue nel mondo dei rosè per la sua caratteristica di essere il più artistico di tutti i vini rosati. Prodotto per la prima volta nel 2013, grazie ad un attacco d’arte dei due enologi Marco Vacca ed Elisabetta Mosti, è capace di soddisfare i palati più esigenti e le menti più desiderose di oltrepassare i limiti. La sua etichetta, una tela bianca, risveglia il nostro essere bambini  ed i suoi profumi stimolano l’artista che c’è in ognuno di noi.

L’etichetta numero “0” dell’annata 2014 è stata realizzata dall’artista Jimmy Rivoltella, collagista torinese, il cui spirito è legato indissolubilmente al tema del tempo e della memoria. Proprio per questa sua concezione del tempo, visto come elemento chiave per comprendere ed esaminare la realtà, l’artista ha realizzato quattro diverse etichette, inseparabili per una comprensione totale. Perché, secondo JR una realtà è conoscibile nell’insieme della sua esistenza solo quando vengono prese in considerazione tutte le singole tappe della sua linea temporale di sviluppo.

Secondo l’artista disegnare un’etichetta non è cosa semplice. Poichè il vino per Cascina Albano è l’amore di tutta una vita, di sacrificio e passione. L’artista invece sa solo che è un vino rosato. Così nacque l’etichetta N°1.

Per l’artista poi, il vino è condivisione, scambio. La folla della seconda etichetta è in attesa della presentazione. Di unirsi al piacere della bevuta. Lo sfondo bianco è il contenuto della bottiglia, tutto da scoprire e colorare.

La bottiglia si stappa. L’immagine della terza etichetta rappresenta la forza del vino. Una sorpresa. Un rosato carico come un vino rosso. Ci mettiamo l’elmetto per affrontare il giudizio. Ci prepariamo a darci dentro con l’assaggio. Urliamo al mondo che siamo forti!

Arriviamo alla condivisione totale. Le difese vengono meno, i muri crollano il vino rose’ invita la declinazione latina..Rosa rosae rosam ..Osa..ama..amami. Ecco l’etichetta N° 4.

Le quattro opere su bottiglia raccontano il vino Rosato 2014, un vino dall’incredibile freschezza e dal carattere intenso, capace di portare con eleganza uno spiccato grado alcolico (13,5% vol) per rimarcare il territorio in cui nasce, sulle colline di Barbaresco.

Tags